Tel & Fax:+39 0975 511453 info@impresanatura.it

Impianti di Fitodepuraizone

La fitodepurazione consiste in un tipo di trattamento operato da organismi vegetali che, tramite l’apparato radicale, assorbono gli elementi nutrienti (principalmente inorganici) presenti nell’acqua; lo sviluppo radicale di questa pianta inoltre, funge da punto di adesione per i microrganismi, la cui attività viene favorita dalla liberazione di ossigeno atmosferico che, assorbito dagli apparati aerei della pianta, viene poi trasferito alle radici e liberato nell’ambiente circostante.

La formazione di queste “nicchie” ossigenate all’interno del mezzo liquido permette perciò un buon livello di abbattimento della sostanza organica per attività respiratorie dei microrganismi ossigenici atmosferici.

La linea può essere costituita da

  • vasca con sistema sommerso a flusso orizzontale delle acque:
  • vasca con sistema a flusso verticale delle acque.

La vasca viene riempita da un medium con caratteristiche specifiche ed il flusso viene convogliato

all’interno di esso per poi, una volta attraversato il bacino, fuoriuscire ed essere accumulato in una vasca di ricircolo al pozzetto di mandata e al pozzetto fiscale.

Con questo tipo di sistema, vengono utilizzate pareti emergenti radicate che, ancorate nel substrato, assorbono i nutrienti del liquido che bagna le loro radici e mantengono ossigenata la rizosfera (per il meccanismo sopradescritto).

Allo scopo di mantenere sempre sufficiente il sistema una quota parte delle piante verrà periodicamente asportata ed inviata al compostaggio.

I liquami scaricati saranno in parte ricircolati per migliorare la qualità e in parte inviati al pozzetto fiscale e quindi al corpo idrico ricettore.

Il dimensionamento dei bacini viene effettuato partendo dall’ipotesi di un abbattimento del BOD5, in questa sezione, del 90%.

L’area superficiale del bacino viene così determinata

Q (lnCo – lnCe)/ porosità x profondità x Kt =  m2

Con Co =BOD5 m entrata (mg/l)

Ce =20 BOD5 in uscita (mg/l)

Porosità = si imposta per una profondità in m (dipende dalla tipologia)

Kt = costantecalcolata in base alla temperatura media del mese più freddo e al tipo di refluo da trattare (°C)

Si imposta una superficie totale di bacini  m2.

Tenendo conto che la lunghezza delle vasche deve essere uguale a 0,4 – 3 volte la larghezza, si imposta per ogni vasca una lunghezza m e larghezza  m, si avrà perciò un’area coperta in m2 .

Si prevede una pendenza del bacino del 1% questa dovrà, al fine di evitare fenomeni di erosione da parte del flusso idrico o insufficiente contatto dello stesso con il medium, essere 8,6 / Ks (Ks conducibilità idrica).

La pendenza dell’1 % sarà ottenuta tramite opportuna distribuzione di argilla prima della posa in opera del telo impermeabile.

Al di sopra sarà sistemata un’impermeabilizzazione con geomembrana (HDPE e FLAG) ed un geotessuto (TNT) di grammatura pari a 300 g/m2.

Tutta la larghezza iniziale del bacino, così come la larghezza finale, sarà riempita di ghiaia lavata (granulomentria pari a 4-7 cm), al fine di prevenire intasamenti da parte di eventuali particelle solide presenti nel flusso in ingresso e di ottenere una corretta distribuzione dello stesso lungo la sezione trasversale del bacino, questa sezione non sarà interessata da copertura con piante.

Il medium, in cui si ancoreranno le piante, sarà costituito da:

  • 20 % sabbia con diametro 2 mm
  • 70 % ghiaietto con diametro 4-7 mm
  • 10 % ghiaietto con diametro 7-10 mm.
Vasca Di Cacciata E Di Accumulo
Vasca Di Cacciata E Di Accumulo Sedimentatore Rocchetto Imhoff Fine Pretrattamenti Filtro Anaerobico 8 Piante Fito Atena 7 Messa In Opera Terriccio Fito Atena 5 Pietrisco 3 Bacino Telo 2 Pretrattamenti 1 Scavo
Scopri il nostro Shop on-line
Cerca